Ponte Rosso Galleria Virtuale

Agenda mostre Eventi esterni Artisti Premio CDZ

artisti

"Barene sul canale S. Felice", 1991

"Burano, la pescheria", 1996

"Burano: piazza Galuppi", 1995

 

Nota biografica

Giuseppe Senigaglia è nato a Burano nel 1942 dove vive e lavora. Ha messo a frutto i preziosi insegnamenti tratti dalla frequentazione di alcuni fra i più noti artisti della scuola buranella: Tallone, Vellani Marchi, Dalla Zorza, Novello, Seibezzi, Consadori. Negli anni ’67 e ’70 consegue il "Piccolo Premio Burano di pittura".
Nel 1977 partecipa con dieci opere alla terza edizione della Triveneta delle Arti a Villa Simes-Contarini di Piazzola sul Brenta
; nel 1978 è nuovamente prescelto dalla giuria del rinnovato "Premio Burano" come vincitore del massimo riconoscimento dedicato alla memoria di Pio Semeghini. Nel 1980 la Galleria Ponte Rosso allestisce la sua prima personale a Milano; seguiranno numerose altre mostre (personali e collettive) presso la galleria milanese. Negli anni ottanta è invitato al Premio Marsala e compie numerosi viaggi a Parigi e in Bretagna. Un quaderno monografico è stato pubblicato nel 1992 dalla Ponte Rosso con presentazuione di Marcello Colusso. Fra le mostre più recenti vanno inoltre segnalate le mostre personali nel 1997 alla "Bocconi" di Milano, alla Pro Loco di Codogno, alla "Saletta" di Cremona, nel 2001 all'Associazione Culturale 2E di Suzzara, alla Galleria Incontri Scrimin di Bassano del Grappa, nel 2002 alla Galleria d'Arte "Fogolino" di Trento e alla Casa Strobele a Borgo Valsugana, nel 2003 alla Galleria Rettori Tribbio 2 di Trieste.
Della sua pittura hanno scritto: Scopinich, Ghilardi, Consadori, Longaretti, Caserini, Paolo Rizzi, Andrea Bosco, Marcello Colusso.

GIUSEPPE SENIGAGLIA, 1942
Artista e poeta...

Generazione di continuità

La rosa dei nomi degli artisti che la Ponte Rosso va proponendo da decenni segna numerosi percorsi nell’affascinante territorio dell’arte italiana del novecento.
Accanto ai nomi vengono ricordati alcuni riferimenti storici che soccorrono l’attento viaggiatore per facilitarlo nel conservare la giusta rotta onde evitare pericoli di smarrimento.
Un territorio indicibilmente vario e ricco di scorci e visioni quello del novecento: alle grandi vie maestre s’accostano strade di minore frequentazione, sentieri poco noti, altri appena segnati, altri ancora da riscoprire e percorrere.
Giuseppe Senigaglia, il suo sentiero lo ha tracciato e ancora oggi lo segue con gioiosa, intensa freschezza di sentimenti. Anche il territorio è il suo, vi è nato, lo conosce fin negli angoli più remoti e nascosti. E sa ascoltare la voce della sua laguna: se ne è fatto interprete e cantore.
Ha conosciuto numerosi, oggi celebri maestri, li ha seguiti e frequentati, ne ha ammirato le opere, ma l’attenzione sua, fin dagli anni della prima formazione era pur sempre rivolta altrove. Verso la magia delle cangianti forme naturali che già dalla finestra del suo studio, aperta sulle acque verso Mazzorbo, intonavano senza interruzione come sirene il loro canto.
E lui, il pittore nato in un paradiso di luci, di colori, di immagini mutevoli e trasparenti, il suo sentiero non l’ha cercato seguendo le suggestioni delle teorie qualche volta stimolanti ma più spesso trappole nascoste della creatività.
Lentamente con spontaneità ne ha tracciato con sicurezza la direzione seguendo i percorsi segnati dalle bricole, lungo i canali fra le case e gli orti, vivendo il crescere dell’alternarsi delle luci e delle ombre, osservando il mutare delle stagioni annunciate dal variare delle fioriture sulle barene segnate dal crescere e dal calare delle maree.
Visioni e voci naturali che l’artista non ha mai tradito perché il suo compito era quello di tradurle in forma pittorica che fosse risposta d’arte, coerente al richiamo naturalista.
Certo, una ricerca severa, intelligente e continua sulla materia cromatica si è resa anche per lui necessaria per dare valida concretezza pittorica ai sentimenti ed alle emozioni. Una "forma" che lo distingue può vantarne da anni la conquista; una "forma" che si costituisce come sintesi plastica di luce e spazio vibrante della stessa tensione che ha guidato e dato estro alla sua preziosa manualità.
La Ponte Rosso propone Senigaglia, pittore buranello, come artista esemplare di un mondo semplice che attraversa indenne i tempi turbati e stravolti da crudeli vicende storiche e inquinamenti intellettuali. Da anni la Ponte Rosso si sofferma sulla sua pittura. Oggi ancora una ventina di opere si offrono alla nostra contemplazione e ci parlano di un antico, sempre vivo, luminoso spazio lagunare.

Settembre 1998, Orlando Consonni

 

GALLERIA PONTE ROSSO
20121 - Milano via Brera 2
Tel./Fax 02/86461053
Corrispondenza: via Monte di Pietà 1/A
Orario di apertura: 10-12.30  /  15.30-19
Chiusura: domenica mattina e lunedì

up