Ponte Rosso Galleria Virtuale

 

Agenda mostre Artisti Storia Premio CDZ Eventi esterni Edizioni Dove siamo Servizi

previoussuccessivo

rassegnapassata.gif (1586 byte)

Invitio Bellotti

    

in copertina:

   Dina Bellotti

    Composizione con stampi, 1982
    tempera cm 70x50 (part

 

GALLERIA PONTE ROSSO
20121 - Milano via Brera 2
Tel./Fax 02/86461053
E-mail:ponterosso@ponterosso.com
Corrispondenza: via Monte di PietÓ 1/A
Orario di apertura: 10-12.30  /  15.30-19
Chiusura: domenica mattina e lunedý

 

DINA BELLOTTI
(Alessandria 1911 - Roma 2003)


Dal 14 aprile al 14 maggio 2005

Inaugurazione giovedý 14 aprile alle h 18


La mostra presenta trentacinque opere (tempere ed acquerelli) realizzate dall'artista dagli anni cinquanta agli anni novanta. I suoi soggetti preferiti: fiori, composizioni, paesaggi (Roma, Burano, Sestri Levante) tutti caratterizzati da una sorprendente freschezza, da un uso sapiente del colore e da un grande senso della composizione.

Dina Bellotti
Ú nata ad Alessandria nel 1911 ed ha studiato presso l'Accademia Albertina di Torino. Ha esordito nel 1935 nel "Premio della Regina" conseguendo il premio per l'acquaforte. Negli anni 1938, 1940 e 1942 ha esposto alla Biennale di Venezia. Ha partecipato alle Quadriennali di Torino e a numerosi altri concorsi nazionali ottenendo premi a Torino, Alessandria, Suzzara, Biella, Roma, Cannes. Ha esposto alla mostra degli artisti romani al Palazzo delle Esposizioni e nel 1972 su invito del Comune di Roma ha ordinato una perso-nale a Palazzo Braschi. In permanenza al Museo del Cinema di Torino sono esposti ritratti di attori del teatro e del cinema italiano. Sue opere si trovano alla Galleria d'Arte Moderna di Torino, alla Pinacoteca Civica di Alessandria, nel Palazzo del Comune di Sestri Levante, nella collezione Ford di New York. Nella nuova collezione d'arte religiosa in Vaticano inaugurata da Paolo VI nel 1973 Ú presente con una grande opera raffigurante la "Pesca miracolo-sa". Numerose sue opere sono esposte in Vaticano negli Uffici delle varie con-gregazioni compreso un grande ritratto di Paolo VI. Di Giovanni Paolo II, Dina Bellotti ha eseguito numerosi ritratti; il pi¨ noto di questi Ú riprodotto in milioni di copie su stampe e pubblicazioni. Dina Bellotti ha vissuto a Roma ma ha trascorso i periodi estivi a Sestri Levante e a Burano, la celebre isola dei pittori della laguna veneziana. Si Ŕ spenta a Roma nell'estate del 2003.


Dina Bellotti. Gioia dello sguardo interiore di FLAMINIO GUALDONI

"Quelle luci, quei contrasti violenti e allo stesso tempo dolci" di cui diceva Carlo Bo, sodale d'una vita, sono ancora qui, a dire del talento e, pi¨, del carattere espressivo di Dina Bellotti. Cresciuta in seno alla cultura artistica degli anni Trenta, Bellotti ha vissuto la propria maturazione definitiva negli anni Cinquanta. Era, quello, il tempo in cui la sua naturale vocazione per un certo frizzante clima francese, a cominciare da una sorta di congenito amore per Matisse e Dufy - dunque per un colorismo squillante e sottilmente sensuoso, per abbreviazioni lineari iperdeterminate affettivamente - trovava nutrimento intellettuale nel dibattito fervido tra il figurare liberamente emozionato dei "jeunes peintres de tradition franšaise", i Bazaine, gli EstŔve, i Lapicque, i Manessier, i Pignon, e il montante astratto/concreto nostrano: ovvero, per Bellotti, la possibilitÓ di astrarre impressioni selettive dalla flagranza del visibile, sino a farne la materia d'una ricostituzione d'immagine dipanata per puri flussi emotivi, nella primazia del colore e della luce. La luce Ŕ, da allora, caratteristica ineludibile del suo figurare. Questo dicono gli acquerelli e le tempere fastose che ne rappresentano, allo sguardo d'oggi, il risultato pi¨ durevole. Nella rapiditÓ en souplesse dell'esecuzione, Bellotti ricava il tempo di un vaglio psicologico avvertito e affilato. (...)

 up