Ponte Rosso Galleria Virtuale

 

Agenda mostre Eventi esterni Artisti Premio CDZ

previoussuccessivo

rassegnapassata.gif (1586 byte)

            

      
                               

Paolo Paradiso
 Love the rain
, 2017 olio su tela  cm 100x120)

 

 

 

 

 

                
 
GALLERIA PONTE ROSSO
 20121 - Milano via Brera 2
 Tel./Fax 02/86461053
  E-mail:ponterosso@ponterosso.com
 Corrispondenza: via Monte di Pietà 1/A
  Orario di apertura: 10-12.30  /  15.30-19
 
Chiusura: domenica  e lunedì

                    
PAOLO PARADISO
Special thanks to...



Dall'11 maggio al 4 giugno 2017

Inaugurazione giovedì  11 maggio alle h 18
  

Il titolo della mostra vuole essere uno speciale ringraziamento a quel periodo americano degli anni ’50 (e ai suoi protagonisti) che ha segnato e ispirato l’artista e dal quale “…tutto è incominciato”.
Sono esposti trenta dipinti (alcuni di grande formato), ultimi lavori realizzati dall’artista. La mostra è
corredata da catalogo, disponibile in galleria 

"Ringraziamenti subito e non alla fine perché è da qui che tutto è incominciato.

Gli anni 50 durarono troppo poco.

Grazie a quella che fu definita l'era atomica. Al timore per le sorti del pianeta, gli americani reagirono con un sano fatalismo. Il risultato fu un periodo di prosperità e serenità mai viste prima. Oltre al proliferare di rifugi antiatomici in giardino.

Grazie ai film commedia e alla protagonista simbolo assoluto di quegli anni: Doris Day, ai suoi tailleurs e ai cappottini pastello.

Anche se la mia fidanzata a quel tempo era Sandra Dee che purtroppo, dovevo condividere con altri milioni di teenagers americani.

Grazie a Rod Sterling che agitò i miei sonni con "Ai Confini Della Realtà" e grazie ai pionieri dei primi film di fantascienza, alle Astronavi con i fili che si vedevano.

E per restare in tema, grazie alla minaccia da altri pianeti e all'ossessione, in quegli anni, per l'arrivo dei "marziani". Li sto ancora aspettando.

Grazie alle automobili grosse come barche, alle linee curve e al tripudio di luci e cromature.

Grazie ai libri "proibiti" della mia gioventù, a Grace Metalious Con la sua Peyton Place e a Sloan Wilson con Scandalo Al Sole che, per la mia gioia, aveva come protagonista, nella versione cinematografica, proprio Sandra Dee.

Se penso a quelle estati, la musica nell'aria, per me era solo Scandalo Al Sole, grazie Percy Faith.

Grazie all'America di Norman Rockwell, alla provincia, perché non è solo New York.

Grazie alla fotografia in Bianco e Nero che mi ha fatto scoprire la poesia delle ombre.

A tutti gli Impressionisti che mi hanno insegnato a dipingere con la luce.

Ai fumetti Belgi per le auto di Michel Vaillant e gli aerei di Buck Danny. E grazie a Gaston Lagaffe, quasi un Alter Ego.

Grazie ai Rat Pack. A Frank, Sammy e allo "stile" di Dean Martin perché nessuno si è divertito come loro, lavorando.

E un grazie a Edward Hopper che è riuscito a realizzare Il mio mito: dipingere l'America. Infine grazie per tutti gli esempi e i consigli che per fortuna, non ho mai seguito."

                                                                Paolo Paradiso

                  

Paolo Paradiso è nato a Milano. Intraprende studi di grafica pubblicitaria ma si dedica contemporaneamente alla pittura, di cui è appassionato da sempre. Nel 1978 apre un suo studio fotografico e collabora con riviste di moda e studi pubblicitari. Nel 1983 decide di trasferirsi a Chicago. Durante quel periodo la pittura diviene la sua attività prevalente e nel 2003 espone la sua produzione alla Michael H. Lord Gallery of Chicago.Nel 2004 ritorna a Milano e vince il "Premio di Pittura Carlo Dalla Zorza" organizzato dalla Galleria Ponte Rosso che lo rappresenta da allora. Negli ultimi 10 anni le esposizioni di Paradiso hanno riscontrato un continuo e crescente successo. Attualmente vive tra Milano, Parigi e Barcellona.

 

      
                                                              

up